Contatti
I nostri siti

VERNICIATURA SUPERFICI IN GALLERIA
ROTOLAVAGGIO SUPERFICI IN GALLERIA
ROTOLAVAGGIO PANNELLI ACUSTICI
 
         
   
         
         
         
         
           
   
           
 
  In questa sezione:              
  - Ciclo a tempera      
  - Ciclo acrilico      
  - Ciclo epossiacrilico      
  - Ciclo epossidico "ceramizzante"      
  - Ciclo poliuretanico      
  - Ciclo epossisilossanico       
  - Ciclo fotocatalitico       
                 
                 
   
                 
                 
  Ciclo a tempera  
                 
  Ciclo di lavoro   Metodologia  
  - Lavaggio semplice con ugelli al fine di far cadere la polvere di smog e le parti grossolane e incoerenti;   - Consumo di acqua limitato (max 1 l/m²) tale da non permettere il ristagno di acque in carreggiata  
  - Fornitura in opera di pittura con carbonato di calce e resina vinilica in dispersione acquosa, a capitolato Autostrade per l'Italia Spa, Tangenziale di Napoli Spa, Strada dei Parchi Spa, dato a due mani e comunque fino a completa copertura. Compreso l'esecuzione di righe orizzontali di separazione.;   - Pulizia e/o protezione della sede stradale e della segnaletica orizzontale e verticale esistente;


 
         
    Quando scegliere il ciclo   NOTA PER GALLERIE DI NUOVA COSTRUZIONE

Far precedere il ciclo sopra indicato da primerizzazione con due mani di microemulsione di resina vinilica avente la molecola cinque volte piu' piccola della normale resina.




 
  - Da adoperare nella quasi totalità; delle gallerie italiane aventi superfici molto rugose, umide e con perdite d'acqua. La tempera applicata in quantità notevole (circa 1/2 kg per metro quadro in almeno due mani) copre tutte le irregolarità, aderisce facilmente a qualsiasi fondo e si presenta con un aspetto setoso morbido, opaco e riposante per l'occhio dell'automobilista;    
       
       
    Quando non scegliere il ciclo       
  - Su superfici precedentemente verniciate con acriliche o vernici superiori;       
         
  Articoli & Approfondimenti      
  - Strade & Autostrade n.74 - 2- Marzo/Aprile 2009
"I cicli di verniciatura"
     
         
         
  Immagini      
          
         
   
       
  Ciclo acrilico  
                 
  Ciclo di lavoro   Metodologia  
  - Lavaggio semplice con ugelli al fine di far cadere la polvere di smog e le parti grossolane e incoerenti (o rotolavaggio a seconda delle condizioni del supporto);   - Consumo di acqua limitato (max 1 l/m²) tale da non permettere il ristagno di acque in carreggiata;
 
  - Fornitura in opera di pittura a base di resine acriliche in dispersione acquosa, dato a due mani e comunque fino a completa copertura. Compreso l'esecuzione di righe orizzontali di separazione;   - Pulizia e/o protezione della sede stradale e della segnaletica orizzontale e verticale esistente;

 
         
    Quando scegliere il ciclo   NOTA PER GALLERIE DI NUOVA COSTRUZIONE

Far precedere il ciclo sopra indicato da primerizzazione con due mani di microemulsione di resina vinilica avente la molecola cinque volte piu' piccola della normale resina.



 
  - Ciclo mediamente costoso da applicare a superfici già verniciate precedentemente con pittura a smalto o nuove. Adatto a gallerie aventi un buon livello di finitura, senza umidità e perdite d'acqua.
Ciclo resistente a numerosi rotolavaggi; aspetto "duro" che mette in evidenza le irregolarita' delle superfici, colore a scelta RAL 9010 - RAL 2002;
   
         
         
    Quando non scegliere il ciclo       
  - Su superfici precedentemente verniciate con tempere;       
  - Su superfici precedentemente verniciate con epossiacriliche o vernici superiori;      
  Articoli & Approfondimenti      
  - Strade & Autostrade n.74 - 2- Marzo/Aprile 2009
"I cicli di verniciatura"
     
         
         
  Immagini      
  






         
         
   
         
       
  Ciclo epossiacrilico  
                 
  Ciclo di lavoro   Metodologia  
  - Lavaggio semplice con ugelli al fine di far cadere la polvere di smog e le parti grossolane e incoerenti (o rotolavaggio a seconda delle condizioni del supporto);   - Consumo di acqua limitato (max 1 l/m²) tale da non permettere il ristagno di acque in carreggiata
 
  - Fornitura in opera di pittura a base di resine epossiacriliche in dispersione acquosa, data a due mani fino a spessore finale 0,25mm o 0,35mm. Compreso l'esecuzione di righe orizzontali di separazione;   - Pulizia e/o protezione della sede stradale e della segnaletica orizzontale e verticale esistente;

 
         
    Quando scegliere il ciclo      
  - Ciclo ottimo, ma costoso, da applicare su superfici già pitturate precedentemente con pitture epossiacriliche o nuove. Adatto a gallerie aventi un ottimo livello di finitura (le superfici devono avere una finitura simile alle pareti di casa) e senza umidità e perdite d'acqua. Ciclo resistente a innumerevoli rotolavaggi. Aspetto "molto duro" che mette in evidenza al massimo le irregolarità delle superfici; colore a scelta RAL 9010 - RAL 2002;   NOTA PER GALLERIE DI NUOVA COSTRUZIONE

Far precedere il ciclo sopra indicato da primerizzazione con due mani di microemulsione di resina vinilica avente la molecola cinque volte piu' piccola della normale resina.


 
       
       
    Quando non scegliere il ciclo       
  - Su superfici verniciate con prodotti poveri come tempere o acriliche di bassa qualità;        
         
  Articoli & Approfondimenti      
  - Strade & Autostrade n.74 - 2- Marzo/Aprile 2009
"I cicli di verniciatura"
     
         
         
  Immagini      
          
         
         
   
         
       
  Ciclo epossidico "ceramizzante"  / Ciclo poliuretanico  
                 
  Ciclo di lavoro   Metodologia  
  - Rotolavaggio accurato delle superfici far cadere la polvere di smog, le parti grossolane e incoerenti e rimuovere residui oleosi dalle superfici;   - Consumo di acqua limitato (max 1 l/m²) tale da non permettere il ristagno di acque in carreggiata

 
  - Fornitura in opera di pittura epossidica/poliuretanica, data a due mani fino a spessore finale 0,25mm o 0,35mm. Compreso l'esecuzione di righe orizzontali di separazione;   - Pulizia e/o protezione della sede stradale e della segnaletica orizzontale e verticale esistente;
 
         
         
    Quando scegliere il ciclo      
  - Ciclo ottimo, ma costoso. Da applicare su superfici esclusivamente nuove e con aspetto migliore delle pareti di casa.
Adatto a gallerie aventi un perfetto livello di finitura, senza umidità e perdite d'acqua. Ciclo resistente ad innumerevoli rotolavaggi. Aspetto "durissimo" che mette in evidenza al massimo le irregolarita' delle superfici; colore a scelta RAL 9010 - RAL 2002;
     
       
       
    Quando non scegliere il ciclo       
  - Su superfici verniciate con prodotti poveri come tempere, acriliche o epossiacriliche di bassa qualità;        
         
  Articoli & Approfondimenti      
  - Strade & Autostrade n.74 - 2- Marzo/Aprile 2009
"I cicli di verniciatura"
     
         
         
  Immagini      
        
         
         
   
         
       
  Ciclo epossisilossanico  
                 
  Ciclo di lavoro   Metodologia  
  - Rotolavaggio accurato delle superfici far cadere la polvere di smog, le parti grossolane e incoerenti e rimuovere residui oleosi dalle superfici;   - Consumo di acqua limitato (max 1 l/m²) tale da non permettere il ristagno di acque in carreggiata
 
  - Fornitura in opera di pittura acrilica monocomponente + una mano di vernice epossisilossanica a norma capitolato Anas voce H.05.030. Compreso l'esecuzione di righe orizzontali di separazione;   - Pulizia e/o protezione della sede stradale e della segnaletica orizzontale e verticale esistente;

 
         
         
    Quando scegliere il ciclo      
  - Ciclo ottimo, ma costoso. Da applicare su superfici esclusivamente nuove e con aspetto migliore delle pareti di casa.
Adatto a gallerie aventi un perfetto livello di finitura, senza umidità e perdite d'acqua. Ciclo resistente ad innumerevoli rotolavaggi. Aspetto "durissimo" che mette in evidenza al massimo le irregolarita' delle superfici; colore a scelta RAL 9010 - RAL 2002;
     
  - In gallerie soggette a traffico veicolare molto sostenuto. La tipologia di prodotto garantisce una pulizia nel tempo anche con ciclo semplice di lavaggio a pressione;    
       
    Quando non scegliere il ciclo       
  - Su superfici verniciate con prodotti poveri come tempere, acriliche, epossiacriliche o epossidiche di bassa qualità;        
         
  Articoli & Approfondimenti      
  - Strade & Autostrade n.74 - 2- Marzo/Aprile 2009
"I cicli di verniciatura"
     
         
         
  Immagini      
       
         
         
   
         
       
  Ciclo fotocatalitico      
         
  Ciclo di lavoro   Metodologia  
  - Fornitura in opera di pittura fotocatalitica a base di biossido di titanio nanotecnlogico con spessore finito massimo 0,100mm. Compreso l'esecuzione di righe orizzontali di separazione;   - Pulizia e/o protezione della sede stradale e della segnaletica orizzontale e verticale esistente;
 
         
         
    Quando scegliere il ciclo      
  - Più che un ciclo è una finitura, applicabile su superfici precedentemente verniciate con epossiacriliche, epossidiche, poliuretaniche o epossisilossaniche: l'azione dei raggi ultravioletti innesca la reazione fotocatalitica per cui lo smog si trasforma in Co2;      
       
       
    Quando non scegliere il ciclo       
         
         
  Articoli & Approfondimenti      
  - Strade & Autostrade n.74 - 2- Marzo/Aprile 2009
"I cicli di verniciatura"
     
         
         
  Immagini      
          
         
         
   
  Home pagepan>   Social  
  Servizi        
  Contatti    
       
  Brochure aziendale